A solo o Assolo

L’a solo o assolo è una sorta di monologo che, solitamente, avviene a conclusione di una sequenza di gioco; da parte del conduttore viene data la consegna al protagonista di rimanere seduto al centro del gruppo, mentre gli altri partecipanti tornano a posto, e di riflettere a voce alta sul gioco appena rappresentato, restando nell’ultima posizione che si è assunta (quella del protagonista o quella del cambio di ruolo se il gioco si è interrotto durante l’inversione). L’obiettivo di questa tecnica è di provare a garantire qualche attimo all’ introspezione personale nel passaggio tra la conclusione del gioco e il ritorno al proprio posto e l’ascolto dei commenti degli altri partecipanti, la posizione stessa del soggetto durante l’assolo, nell’incrocio degli sguardi e dell’ascolto del resto dei partecipanti, è del tutto specifica.

Spesso l’a solo costituisce il momento della verità e di maggior contatto con parti trascurate di se stessi, anche se l’inibizione rende il protagonista completamente muto”. (Croce B. E. 2010, pag. 54).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *