Convegno SIPsA 2021 – “Prendersi cura delle parole. In gioco nello Psicodramma Analitico”

Home 9 Convegno SIPsA 2021 – “Prendersi cura delle parole. In gioco nello Psicodramma Analitico”

Convegno SIPsA 2021 – “Prendersi cura delle parole. In gioco nello Psicodramma Analitico”

Home 9 Convegno SIPsA 2021 – “Prendersi cura delle parole. In gioco nello Psicodramma Analitico”
DESCRIZIONE

Il convegno è stato ispirato dal tema del “prendersi cura delle parole”, che verrà declinato nella cornice epistemologa della psicoanalisi in connessione alla pratica dello psicodramma analitico nella clinica e nella formazione. Il contributo di esperti in ambiti disciplinari contigui alla psicoanalisi amplierà la conoscenze in un’ottica multidisciplinare. 
Saranno trattati il tema della diagnosi e della sua nominazione nella relazione di cura, la questione della traduzione in letteratura come metafora dell’interpretazione psicoanalitica e come strumento utilizzato nel processo di cura. Inoltre, verranno considerati i giochi di parole dal punto di vista della semeiotica correlandoli al “motto di spirito” freudiano e ai significanti utilizzati nel discorso di seduta nello psicodramma analitico.
Saranno presentati, poi, i capisaldi teorici del dispositivo psicodrammatico con particolare riferimento alla trasmissione delle diverse pratiche all’interno dei centri didattici della Associazione SIPsA.
Ci sarà, infine, una parte esperenziale, con un gruppo dimostrativo in acquario, in cui un animatore e un osservatore condurranno una seduta di psicodramma.
Nello spazio conclusivo di sintesi della giornata, verranno messe in connessione la teoria e la pratica, tenendo conto anche delle domande e dei contributi dei partecipanti.
Obiettivo del Convegno è far conoscere la pratica dello psicodramma analitico e stimolare una riflessione approfondita sull’uso della parola come strumento di cura.

BIBLIOGRAFIA

A.A.V.V., Prendersi cura delle parole, Aut-Aut, n.388, (a cura di P.A. Rovatti) Il Saggiatore, Milano 2020.
Bartezzaghi, S., Parole in gioco. Per una semiotica del gioco linguistico, Bompiani, 2017.
Benvenuto, S., Leggere Freud. Dall’isteria alla fine dell’analisi, Orthotes, 2017.
Botella C. e Botella S., La raffigurabilità psichica, Borla, Roma, 2005.
Buttarelli, A., Empatia, in aut aut, n. 388, 2021.
Coltart N., Pensare l’impensabile e altre esplorazioni psicoanalitiche, Cortina, Milano, 1996.
Fedida P., Aprire la parola, Borla, 2012.
Freud, S., Opere, Boringhieri.
Gaudè, S., Sulla rappresentazione, Narrazione e gioco nello Psicodramma, Alpes, Roma, 2015.
Fusini, N., Il potere o la vita, Il Mulino, 2021.
Kaes R., L’estensione della psicoanalisi, Franco Angeli, 2016.
Lemoine P., Lemoine G., Lo Psicodramma, Feltrinelli, Milano, 1973.
Lacan J., Ecrits, Edition du Seuil, 1996, Paris.
Pani R., Carnevali C. (a cura di) Al lavoro con lo psicodramma analitico. Dalla pratica del gioco alla formazione ed educazione nel gruppo, Clueb, Bologna, 2010.

RELATORI OSPITI 
SERGIO BENVENUTO

Sergio Benvenuto si divide tra tre professioni: psicoanalista, filosofo e saggista.
Si formò a Parigi negli anni 70 all’Università di Parigi VII, ma seguendo soprattutto gli insegnamenti di Roland Barthes e di Jacques Lacan. Visse il Maggio 68 e gli anni ruggenti dello strutturalismo francese, esperienza che ha descritto nel libro Godere senza limiti, edito da Mimesis (2018). Preparò un dottorato con Jean Laplanche nella stessa università. E’ stato Visiting Researcher alla New School for Social Sciences di New York.

Già ricercatore in psicologia sociale presso il CNR a Roma, nel quale invano ha cercato di portare un approccio filosofico o psicoanalitico. Oggi pensionato è presidente dell’Istituto psicoanalitico Elvio Fachinelli, dedicato allo psicoanalista con cui si formò a Milano, Fachinelli appunto. Insegna psicoanalisi in vari istituti in Russia, Ucraina e Italia.

Fondò nel 1995 l’European Journal of Psychoanalysis, l’unica rivista di psicoanalisi in lingua inglese redatta in Italia, e di cui è stato direttore fino al 2020. E’ redattore della rivista di psicoanalisi American Imago, della rivista psicoanalitica americano-iraniana Psychoanalytic Dialogues, e della rivista fondata da Jean-Luc Nancy Philosophy World Democracy. Ha collaborato e collabora a varie riviste culturali sparse per il mondo, americane, tedesche, francesi, ungheresi, spagnole, italiane, lituane, ecc. Ha tradotto in italiano per
Einaudi il Seminario XX: Encore di Jacques Lacan.

Ha pubblicato vari libri in italiano e in altre lingue. Tra i più recenti, What Are Perversions? (edito da Karnak di Londra nel 2016), Leggere Freud (edito da Orthotes nel 2018), Conversations with Lacan (edito da Routledge di Londra nel 2020), La ballata del mangiatore di cervella (edito da Orthotes nel 2020) e Lo psichiatra e il sesso (edito da Mimesis nel 2021).

http://www.sergiobenvenuto.it/
https://en.wikipedia.org/wiki/Sergio_Benvenuto
https://it.wikipedia.org/wiki/Sergio_Benvenuto

NADIA FUSINI

Scrittrice e studiosa di letteratura inglese e comparata, Nadia Fusini ha curato e tradotto le opere di Virginia Woolf in Italia in due volumi nella collana dei Meridiani di Mondadori. Sempre per i Meridiani di Mondadori nel febbraio 2019 ha curato il volume John Keats. Per Einaudi nel 2012 esce Hannah e le altre. E nel 2016, Vivere nella Tempesta, saggio su La Tempesta di Shakespeare. Sempre per Einaudi nel febbraio 2021 Maestre d’amore. Giulietta, Ofelia, Desdemona e le altre. Presso il Mulino, nel maggio 2021, Il potere o la vita, saggio su Gli ambasciatori di Holbein e l’Amleto di Shakespeare.
Di Shakespeare traduce e cura le opere per la collana shakespeariana di Feltrinelli che dirige.
È inoltre autrice di romanzi, tra cui La bocca più di tutto mi piaceva, L’amore necessario, Due volte la stessa carezza…
L’ultimo,María,uscito presso Einaudi nel 2019, ha vinto il Premio Bergamo. I suoi libri sono tradotti in Francia, Germania, Inghilterra, Brasile, Portogallo e Grecia.

STEFANO BARTEZZAGHI

Milanese, già all’età di 9 anni incomincia a collaborare con tutte le principali riviste enigmistiche italiane, come autore e solutore di giochi. Si laurea all’Università di Bologna con una tesi in semiotica seguito dal professore Umberto Eco.
Dal 1987 cura rubriche su giochi, libri e sul linguaggio per importanti giornali quali La Stampa, La Repubblica, Vanity Fair sue le rubriche “Lessico e Nuvole”, “Lapsus”, “Fuori di Testo” e per il settimanale L’Espresso la rubrica di critica linguistica “Come dire”.
E’ stato direttore di Golem, la prima rivista culturale italiana pensata solo per il web. Ha condotto rubriche radiofoniche su argomenti di linguistica per Radio Due e ha lavorato come consulente culturale alla direzione delle tre reti radiofoniche di Radio Rai. Sempre in qualità di consulente culturale, ha lavorato a note trasmissioni televisive tra cui Anima Mia di Fabio Fazio (RaiDue), Pinocchio di Gad Lerner. Ha ideato il festival sull’umorismo “Il senso del ridicolo” (a Livorno), di cui è direttore artistico. I suoi studi attuali si rivolgono alla teoria del gioco con le parole, la revisione critica del concetto di creatività, le forme di creatività passiva, la possibilità di una semiotica della creatività e le mitologie del contemporaneo.
Stefano Bartezzaghi in qualità di scrittore ed intellettuale è chiamato a discutere su tematiche connesse alla lingua italiana e letteratura italiana contemporanea, i giochi letterari nella letteratura mondiale, l’umorismo, l’ironia, la satira e il comico. Approfondisce, nei suoi discorsi, giochi di parole in rapporto alla lingua, alla letteratura, alla politica, alla didattica. È apprezzato anche in contesti aziendali e nell’ambito della comunicazione per la sua abilità ad affrontare temi quali: forme espressive nei new media, la comunicazione contemporanea, efficacia, sintesi, paradossi rapporti tra parola e immagine e giornalismo contemporaneo. Interviene ad eventi pubblici e privati con analisi di termini, linguaggi e usi comunicativi di settore, ma anche attraverso la produzione di cruciverba a tema.

COMITATO SCIENTIFICO

Paola Cecchetti, Fabiola Fortuna, Antonia Guarini, Stefania Picinotti, Massimo Pietrasanta, Carmen Tagliaferri

COMITATO ORGANIZZATIVO

Stefania Artioli, Daniela Lo Tenero, Stefania Picinotti

PROGRAMMA

09.00 – 09.30 “Apertura”, Presidente SIPsA, Paola Cecchetti Chair Carmen Tagliaferri
09.30 – 10.00 “Il feticismo della diagnosi. Dar nome al proprio male”, Sergio Benvenuto
10.00 – 10.30 “Noi altri”, Nadia Fusini
10.30 – 10.45 Pausa
10.45 – 11.15 “Le parole pazienti e le nostre cure”, Stefano Bartezzaghi
11.15 – 12.30 Dialogo con i Relatori
12.30 – 14.00 Pausa
14.00 – 14.30 “La parola in gioco nei Centri Didattici”, Antonia Guarini
14.30 – 16.00 Gruppo esperenziale di psicodramma analitico
16.00 – 17.00 “Conclusioni”, Massimo Pietrasanta

LAVORI PRELIMINARI AL CONVEGNO
GIORNATA DI STUDIO “PRENDERSI CURA DELLE PAROLE” (25 -09-2021)

Nella giornata di studio i Centri Didattici SIPsA hanno prodotto dei testi che sono frutto di un lavoro di studio e di confronto tra i Soci, ispirati dalla lettura del n. 388 della rivista Aut-Aut, (a cura di P.A. Rovatti, Il Saggiatore, Milano 2020) che ha dato il titolo alla ricerca.
Di seguito in elenco i testi scaturiti di tale ricerca:

CD Bologna Rimini “Posso avere un po’ di te?”
CD Epochè Cagliari “Parole allo specchio e senza parole”
CD Aletheia Roma “L’anguilla e oyakodon sono parole che curano”
CD Neoarchè Bari “Lo Psicodramma Analitico: un esercizio di empatia?”
CD Alboran Alessandria “Un filo di pensieri”
CD Psicoanalisi e Psicodramma Roma “Herr, che c’è da dire”
CD Apeiron Roma “L’enigma nella parola” Giulia Cespa “Incipit: cura, parola, gruppalitá”

INFORMAZIONI PER ISCRIZIONE CONVEGNO

L’evento formativo rilascia n.8 Crediti ECM a Medici (Psichiatria, Psicoterapeuta e Neuropsichiatra inf.) e Psicologi (e Psicoterapeuti) riconosciuto da Laborform (Provider ECM Nazionale)

Quote e modalità di iscrizione
Costi evento:

55€* con ECM ()
35€* senza ECM
*I costi sono comprensivi di IVA

Gratuito per studenti e specializzandi (si richiede autocertificazione da inviare a sipsacomunicazione@gmail.com)

Le quote vanno versate a SIPsA (Società italiana di Psicodramma Analitico)
IBAN: IT15Z0103003202000001604201
specificare nella causale  “nome e cognome, convegno 2021”

Inviare la ricevuta a sipsacomunicazione@gmail.com

Tutti i partecipanti dovranno:

  1. Compilare il modulo di iscrizione disponibile al seguente link:

https://forms.gle/o41UxRssXwCC7fiQ8

  1. Compilare la Scheda di adesione Laborform e inviarla via email a info@laborform.it entro il 10 novembre indicando in oggetto: -Modulo iscrizione “Convegno SIPsA”-

Coloro che hanno pagato la quota per ricevere gli ECM dovranno seguire la procedura indicata da Laborform.
Tutti gli iscritti al Convegno riceveranno il link per il collegamento zoom qualche giorno prima della data prevista per il Convegno.
(Il link non è cedibile a terzi, verranno controllate le presenze)

Per info sulle iscrizioni:  sipsacomunicazione@gmail.com